dottor

  • Disturbi d'Ansia (Attacchi di Panico, Fobie)
  • Problematiche Relazionali e di Coppia
  • Scarsa Autostima ed Insicurezza
  • Disturbi dell'umore (Depressione, Disturbo Bipolare)
  • Disturbi del Comportamento Alimentare (Anoressia, Bulimia)
  • Dipendenze



Disturbi d'Ansia (Attacchi di Panico, Fobie)
ansia
L’'ansia rappresenta l’'energia vitale che vuole venire a contatto con la nostra consapevolezza, con la nostra coscienza, col nostro Io che è forse troppo rigido. Normalmente funge da richiamo per la nostra attenzione, ci mette sul “chi va là” nelle situazioni di pericolo, ci orienta e ci stimola a realizzare obbiettivi a volte indispensabili per la vita stessa. Non c’è da stupirsi quindi che accompagni l’uomo da sempre dall'età della pietra. A quei tempi era certamente un’ansia naturale, positiva, che serviva da campanello d’allarme in un ambiente carico di minacce. Quando però questo meccanismo continua a persistere anche dopo la fine di eventi potenzialmente ansiogeni, si parla di un’ansia patologica caratterizzata da uno stato permanente di tensione che compromette le capacità operative e di giudizio. L'ansia assume quindi il ruolo di un fattore permanente capace d'influenzare le risposte psicofisiche. 

Sintomi Psichici
Tensione, nervosismo, eccessiva preoccupazione per se’ e per gli altri, insonnia, facilità al pianto,

Sintomi Somatici
Palpitazioni, vertigini, nausea, aumento della sudorazione, disturbi della sessualità, disturbi visivi, emicranie, debolezza, tremori, aumento della frequenza respiratoria, coliti.

La causa non è chiara, esso si sviluppa spesso senza un motivo apparente anche se sono diversi i fattori che giocano un ruolo importante. Ad esempio:

ipatrimonio genetico può essere importante, infatti alcune persone tendono ad avere una personalità ansiosa perché l’hanno ereditata in famiglia;
traumi infantili come l’abuso o la morte di un genitore che può procurare ansia nell'età adulta;
uno stress importante come ad esempio una crisi in famiglia.

Qual è la prognosi dell'Ansia? Senza alcun trattamento il disturbo d’ansia generalizzata può persistere per tutta la vita, in certi casi in forma lieve in altri in maniera invalidante. La gravità dei sintomi può subire delle oscillazioni ad esempio diventano più acuti in situazioni stressanti. 


images__coppiaProblematiche Relazionali e di Coppia 
Il sostegno psicologico alla coppia è un percorso che aiuta a risolvere le difficoltà presenti nel rapporto di coppia, proponendo percorsi terapeutici di soluzione finalizzati a:


    chiarire le problematiche presentate
    individuare le difficoltà nella modalità di interazione presenti nella coppia
    acquisire nuove modalità relazionali che promuovano il cambiamento per il benessere della coppia


    Il sostegno alla coppia è particolarmente indicato per difficoltà di comunicazione, dell'area sessuale, in fase di separazione e per un supporto alla genitorialità.
    Intervenire sulla relazione di coppia nei momenti di crisi che ciclicamente la attraversano, non significa quindi unicamente superare le difficoltà, quanto piuttosto imparare un modo di nutrire il legame affettivo, per poter vivere la relazione in modo più costruttivo e soddisfacente.



    insicurezzaScarsa Autostima ed Insicurezza
    Ma l’autostima che cos'è?
    L’autostima è la valutazione che la persona attribuisce a se stessa e tale valutazione si orienta fra due poli, uno negativo e uno positivo, dove il livello ottimale risiede nel mezzo.
    di cui molto oggi sentiamo parlare.

     
    I soggetti che presentano livelli di bassa autostima, mostrano, come aspetto predominante, insicurezza e una grande difficoltà nel prendere decisioni.
    A
    llo stesso modo, un’'autostima eccessivamente alta non è positiva, perché rende la persona estremamente sicura di sé, al punto tale di non accorgersi dei propri errori. Le persone con scarsa autostima, non riconoscono a se stesse nessun valore in maniera autonoma, ovvero tutto passa attraverso il filtro degli altri, ricercando un’estenuante approvazione dal mondo esterno.

    L'intervento Psicoterapico si fonda sull'ascolto dei bisogni per imparare a riconoscerli ed esplorarli, per poi decidere univocamente cosa vogliamo e cosa non vogliamo; riconoscere le emozioni legate all'espressione dei propri bisogni; lavorare sull'immagine di sé, ovvero sulla percezione e la distanza fra il nostro Io ideale e il nostro Io percepito.


    Disturbi dell'umore (Depressione, Disturbo Bipolare)
    Con il termine disturbo dell’umore si designa la vasta classe delle patologie e sintomi che consistono in alterazioni o anomalie del tono dell’umore dell’individuo, che siano di entità tale da causare alla persona problemi o disfunzioni persistenti o ripetute, oppure disagio marcato. Ogni persona ha un proprio tono dell'umore che il soggetto tende a manifestare con maggiore frequenza. Questo può essere considerato come il correlato emotivo di fondo della nostra attività mentale caratteristico del soggetto, quale abitudine caratteriale e come parte del temperamento della persona.
    Tra i disturbi dell'umore il più noto è sicuramente la depressione maggiore anche se tra i più frequenti ci sono i disturbi misti ansioso-depressivi.
    La depressione è un'alterazione caratterizzata da umore abbattuto (appunto depresso), perdita di interesse, mancanza di volontà, affaticamento, visione negativa, diminuzione delle attività, aumento di sonno o diminuzione di sonno, aumento o diminuzione di peso senza essere a dieta, pensieri di morte ed ideazione al suicidio, ecc.
    Tra i disturbi della categoria fanno parte il disturbo distimico (una forma depressiva costante, cronica ma che non arriva ai livelli fenomenologici apparentemente più gravi di depressione maggiore) ed i disturbi bipolari I e II (alterazioni caratterizzate da oscillazioni del tono dell'umore tra euforico, maniacale o ipomaniacale a stati depressivi o crepuscolari).

    L’obiettivo dell’intervento di sostegno psicologico rivolto a chi soffre di questi disturbi prevede una comprensione profonda della personalità dell’individuo, con il quale è possibile pianificare un intervento personalizzato ed indebolire e eliminare i processi che sostengono il disturbo: infatti il modo più efficace per cambiare i sintomi è modificare i modelli che li sostengono. In questo senso è importantissima l’ "alleanza terapeutica" la cui essenza è rappresentata dalla motivazione del paziente a vincere la sua malattia, la sua infelicità.


    Disturbi del Comportamento Alimentare (Anoressia, Bulimia)
    I disturbi alimentari sono un modo per comunicare sofferenze e paure. Non vanno, infatti, scambiati per malattie dell’appetito. Perdite affettive importanti, abbandoni, abusi e traumi infantili: il cibo diventa l’anestetico che permette di non sentire la sofferenza, un’'autocura per non pensare. 
    Anoressia... questo disturbo alimentare di origine psicologica, riguarda soprattutto ragazze di età compresa tra i 12 e i 25 anni, il periodo del passaggio dall'età infantile a quella adulta. Questo particolare passaggio può infatti risultare difficile in alcuni soggetti: il corpo che cambia e si modifica, la personalità che tende a marcare in maniera più netta i propri limiti e le proprie peculiarità. 
    Questi fenomeni possono spaventare gli individui che li vivono, portando una sorta di volontà di controllo, che spesso si traduce nel controllo del cibo e dell’'alimentazione, minando un atavico rapporto che a livello simbolico risulta essere quasi un rito. Ingerire il cibo si traduce nell'ingestione del mondo esterno; ecco perché trascurare completamente l’alimentazione rientra in un ampio discorso di problemi sorti con il mondo esterno all'individuo il quale si chiude in se stesso evitando ogni tipo di rapporto e di confronto. 

    Una persona è affetta da Anoressia se manifesta tutte e quattro le seguenti caratteristiche: 

    1. Perdita di peso rilevante (più del 15% del peso considerato normale per età, sesso e altezza).
    2. Paura intensa di ingrassare anche quando si è in sottopeso.
    3. Alterazione nel modo di vivere il peso, la taglia e le forme corporee.
    4. Amenorrea (assenza di ciclo mestruale).
    Bulimia... La bulimia si manifesta con ripetuti accessi di fame che costringono il soggetto a ingurgitare frettolosamente grandi quantità di cibo (la classica abbuffata, soprattutto di cibi dolci e di una consistenza tale che permetta una facile assunzione). Il soggetto ha generalmente l'impressione, durante le crisi bulimiche, di perdere il controllo della situazione, ovvero di non riuscire a fermarsi e resistere al desiderio di mangiare. L'attacco di bulimia è normalmente seguito da sensi di colpa, frustrazione e agitazione che portano a comportamenti compensatori al fine di prevenire uno sgradito incremento del peso corporeo. 
    E' possibile distinguere la Bulimia Nervosa in due sottotipi: 

    Bulimia Nervosa con condotte di eliminazione 
    Bulimia Nervosa senza condotte di eliminazione.
    Nel primo caso, il comportamento compensatorio più frequente (80-90%) è l'autoinduzione del vomito i cui scopi fondamentali sono sia la riduzione del senso di nausea che segue l'abbuffata sia la prevenzione di un incremento ponderale. Altri metodi compensatori sono rappresentati dall'uso di lassativi e diuretici e più raramente, e mai come unico metodo, l'uso di enteroclismi.
    Nella bulimia nervosa senza condotte di eliminazione, i comportamenti di tipo compensatorio sono rappresentati dal digiuno nei giorni seguenti l'abbuffata e dalla pratica eccessiva di esercizi di tipo fisico (l'aggettivo "eccessiva" vuole evidenziare il fatto che l'attività fisica viene praticata in modo non consono, in luoghi od orari inappropriati e senza riguardo al fatto che ci si trovi in condizioni fisiche non ottimali). In qualche raro caso si ricorre a sostanze in grado di accelerare il metabolismo (ormoni tiroidei) onde prevenire l'aumento ponderale.

    La malattia presenta molte analogie con l'Anoressia come l'eccessiva preoccupazione del peso, la continua ricerca di approvazione per il proprio comportamento e aspetto fisico e l'idea ossessiva del cibo. L'alternanza di una notevole ingestione di cibo e dei meccanismi compensatori è la reazione per lo più a problemi emozionali, ovvero alla scarsa capacità di gestire le emozioni sgradevoli.


    Dipendenze
    Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento che da semplice o comune abitudine diventa una ricerca esagerata e patologica del piacere attraverso mezzi o sostanze o comportamenti che sfociano nella condizione patologica. L'individuo dipendente tende a perdere la capacità di un controllo sull'abitudine
    Le forme più gravi comportano dipendenza fisica e psichica con compulsività (craving), cioè, ad esempio, con bisogno di assunzione ripetuta della droga da cui si dipende per risperimentarne l'effetto psichico ed evitare la sindrome di astinenza.
    Dal punto di vista delle cause si può dipendere patologicamente da cibo (bulimia, dipendenza da zuccheri), da sostanze stupefacenti (tossicodipendenza), in cui rientrano l'alcolismo e il fumo, da sesso (dipendenza sessuale, masturbazione compulsiva), da lavoro, da comportamenti come il gioco (gioco d'azzardo patologico), lo shopping (shopping compulsivo), la televisione, internet (internet dipendenza), i videogame.

    Home
    Chi sono
    Aree d'Intervento
    Consulenza online
    Contatti
    Recensioni degli Utenti
    Contatti

    Studio Vomero

    via Michele Kerbaker  n.89
    80129 Napoli
    tel.  0815567594               cell. 3383005005



    Studio Fuorigrotta

    via M. Caravaggio  n.78
    80126 Napoli
    cell. 3383005005

                  email
      dottor.parisi@gmail.com

    Site Map